Siamo a Maggio. E come tradizione vuole questo mese viene identificato come quello della festa dei lavoratori, della festa della mamma, del definitivo sbocciare della primavera, delle giornate allungate e, come ulteriore consuetudine e conseguenza dell’arrivo perentorio della bella stagione, è anche considerato il mese più adatto per i matrimoni.
Si perché gli italiani pare adorino sposarsi in questo periodo, lo dimostra l’alto numero di richieste di prenotazione per chiese e ristoranti per il banchetto nuziale, effettuate solitamente almeno un anno prima del gran giorno.
Questo avviene un po’ in tutta Italia, la lotta per accaparrarsi una data disponibile in questo mese è serrata ed uguale in ogni regione. Quello che invece cambia, ed anche parecchio, sono le modalità tramite le quali viene gestito il giorno delle nozze e di tutti i preparativi di contorno, ed è per questo che anche in questo post mi viene spontaneo ritornare a fare delle distinzioni (sicuramente a livello generale e non entrando in casi specifici) tra come viene allestito un matrimonio al nord e come invece viene organizzato al sud.

Nel settentrione solitamente viene preparato in maniera più sobria, a volte quasi asettica, anche un po’ sciatta. Viene prediletta la sostanza alla forma, il giorno del matrimonio è quasi esclusivamente per gli sposi il momento in cui si celebra l’unione legale, e sempre meno quella religiosa (molto frequenti infatti i matrimoni celebrati con rito civile), tra due individui che si amano e che sperano di far fede a questo impegno il più a lungo possibile. Il ricevimento nuziale, sicuramente sempre prediletto dalle coppie italiane, sta accusando però al nord uno sgonfiamento di considerazione che diventa sempre maggiore nel corso degli anni, sia per motivi economici (gli effetti della crisi si accusano un po’ ovunque!), sia per un depauperamento di valori ed una visione del matrimonio molto più pragmatica e meno affine ai rituali ed alle tradizioni. Tanto è vero che alcune coppie decidono di limitare il ricevimento a pochi intimi, a volte esclusivamente a familiari stretti, a volte addirittura senza nemmeno quelli.

matrimonio all'italiana

Situazione decisamente diversa invece nel meridione. In questo caso la forma segue di pari passo la sostanza, a volte prendendo anche il sopravvento. Il matrimonio (quasi sempre religiosissimo) è l’occasione per eccellenza in cui risulta necessario far bella mostra agli occhi della gente. L’organizzazione viene gestita non solo dagli sposi, ma da tutta la famiglia al completo, che supervisiona in maniera puntuale qualunque minimo dettaglio. La cerimonia in chiesa è molto sentita ed organizzata a dovere, gli sposi in questo caso si giurano eterna unione e fedeltà davanti agli occhi commossi di numerosi parenti, amici, conoscenti o semplici curiosi.
Per non parlare poi del banchetto nuziale! Generalmente allestito in pompa magna, sia per quanto concerne la location, sia per l’enorme quantità di cibo che viene elargita per un lasso di tempo che può raggiungere parecchie ore di durata! In questo caso (in barba alla crisi!) capita di trovare famiglie che magari di solito tirano a campare alla bell’e meglio, ma che pur di non fare brutta figura con gli invitati arrivano addirittura ad indebitarsi, perché il pettegolezzo ed i commenti acidi della gente sono sempre in agguato e sempre difficili da accettare!

Comportamenti e valutazioni totalmente diverse dunque all’interno di un paese non tanto grande come il nostro, da cui è possibile indubbiamente attingere anche elementi positivi, ma dove credo che le componenti su cui riflettere siano molteplici, forse perché intrise di trascuratezza e distacco da un lato, di perbenismo e di incoscienza da un altro.
Forse un po’ di sano equilibrio, così come in molte altre situazioni della vita, sarebbe l’ingrediente migliore per amalgamare al meglio tutte le parti fondamentali per la buona riuscita di un matrimonio, prima, durante, e soprattutto dopo la cerimonia…o forse, meglio ancora, una genuina ed economica (si fa per dire!) convivenza, ma questo è un mio personalissimo giudizio!

Buon week end, buoni matrimoni (se vi sposate o se ne siete invitati) e appuntamento a venerdì prossimo!

Stefano Ristori

Annunci
commenti
  1. Evi ha detto:

    com è che l’ hai etichettato pure con “incoscienza”?

    • stefanoristori ha detto:

      per incoscienza mi riferisco alla gente che, pur in ristrettezze economiche, si indebita pur di fare bella figura (non mi sembra un atteggiamento cosciente), e poi mi riferisco anche dagli slanci di entusiasmo iniziale di molte coppie che si sposano magari conoscendosi appena e dopo pochi mesi di matrimonio si accorgono di aver fatto una cavolata. Secondo me è una decisione che bisogna prendere con maggior consapevolezza, per fortuna negli ultimi anni questa tendenza è andata scemando, a favore di matrimoni che arrivano dopo anni di fidanzamento o convivenza, quindi con una conoscenza ed un’intesa di coppia sicuramente più rodata.

  2. mtcava ha detto:

    Vivo al sud è vero il giorno del matrimonio è una gara fra parenti a dare ill meglio del meglio,magari anche indebitandosi,per i risultati non saprei risponderti sai dopo 35 anni di matrimonio, mi dispiace vedere quelle coppie che al minimo intoppo ricorrono alla separazione.
    Credo che anche un breve conoscersi può portare ad una buona riuscita basta munirsi di pazienza e non dimenticare di parlare sempre e imparare a superare gli ostacoli in due e mai cominciarere a dare la colpa al coniuge,un pizzico di fantasia in tutto quello che la vita a due ci preserva.L’amore eterno e la passione col tempo passerà ,ma la complicità,l’affetto e la tenerezza resteranno per sempre.

  3. ilfaraone89 ha detto:

    gran bell articolo stefano

  4. Bibi Boo ha detto:

    Anche io vivo al sud. Ho convissuto per quasi venti anni e circa quattro anni fa ci siamo sposati. Rito civile. Invitati: due. I testimoni.
    Hai perfettamente ragione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...