Ed eccomi anche oggi a parlare di un’altra nota dolente del nostro Paese, un grosso limite che ci condiziona nei rapporti interpersonali, in un periodo in cui la forte globalizzazione sta caratterizzando, soprattutto qui in Europa, un importante processo di metamorfosi a livello politico, sociale ed economico di molte nazioni, Italia compresa.
Mi riferisco alla comunicazione e nello specifico a quella verbale, con la lingua inglese che dovrebbe essere conosciuta ed utilizzata in maniera quantomeno sufficiente per poter interagire con chiunque in ogni angolo (o quasi) del mondo.
Secondo una ricerca di EF (Educational First), organizzazione specializzata in vacanze-studio e corsi di lingua all’estero, in base ai risultati 2012 relativi ad un questionario girato a 54 paesi del mondo durante il triennio precedente, l’Italia si è piazzata tra le ultime posizioni dei paesi europei come conoscenza di questa lingua, seguita soltanto da Russia e Turchia.
Il punteggio per misurare il livello di preparazione è stato determinato attraverso un indice denominato EPI (English Proficiency Index).
Al primo posto della classifica risultano essere gli svedesi, con un EPI di 68,91, seguiti dai vicini della Danimarca con 67,96.
L’EPI italiano invece, raggiunge il misero punteggio di 54,01, ed anche in questo caso (così come con i libri letti, di cui ho scritto un paio di settimane fa) meno peggio le donne (55,72) rispetto agli uomini (52,16).
Un dato sconfortante, che rende gli italiani, ad esempio, meno competitivi nel mercato del lavoro, soprattutto in questo periodo per noi già alquanto difficile a livello economico.
Analizzando invece nel dettaglio i risultati all’interno dei nostri confini, la regione che si è meglio comportata è stata il Friuli Venezia Giulia (59,19), seguita da Lombardia (57,38) e Lazio (56,03).
Fanalino di coda è risultata essere la Calabria, con un EPI di 47,88.

english

Probabilmente, questo deriva da un approccio con la lingua inglese (e con le altre lingue in generale) che comincia in maniera tardiva rispetto a ciò che avviene in altre nazioni.
Soltanto da non molti anni a questa parte si è cercato di porre rimedio, introducendo l’insegnamento dell’inglese sin dalle scuole elementari, affiancato poi nel resto del percorso scolastico anche da altri idiomi (francese, tedesco, spagnolo, etc.).
Bisogna però ammettere che questa recente“corsa ai ripari” pare abbia dato dei frutti: i giovanissimi infatti si stanno allineando ai loro coetanei del resto d’Europa, con i nostri ragazzi al di sotto dei 20 anni che hanno raggiunto una dimestichezza con l’inglese migliore persino di francesi e spagnoli!
Le difficoltà restano prerogativa, dunque, dei più “anzianotti”, con gli over 40 che rimangono poco avvezzi all’impiego di questa lingua ma sempre molto propensi a sostituire il linguaggio verbale con quello dei gesti (lo sappiamo bene!), oppure ad azzardare qualche parola in un inglese improbabile condito da una serie di strafalcioni fonetici che, per lo meno, risultano essere involontariamente divertenti e che servono ogni tanto a strapparci qualche sorriso!

Non ci resta quindi che prendere esempio dai più giovani, metterci d’impegno e cominciare a studiare!
Del resto…non è mai troppo tardi!

Ok friends, bye! Have a nice week end!

Stefano Ristori

Annunci
commenti
  1. Zio Gio ha detto:

    Sicuro che gli under 20 siano messi bene? Tra i miei coetanei non conosco nessuno di cui possa dire che capisca bene l’inglese. Il vero problema è che sono tutti fan di Ligabue e Jovanotti, io ho imparato un sacco di parole ed espressioni grazie a Top of the pops.

  2. stefanoristori ha detto:

    Secondo i punteggi EPI sembrerebbe di si, di sicuro anche in questa fascia in molti l’inglese non lo sanno, cmq i giovani sono senz’altro messi meglio di gente con un’età più avanzata

  3. Michela ha detto:

    Condivido la necessita’ di studiare e imparare l’inglese ma, parlando da italiana espatriata in inghilterra, l’unico vero modo e’ impararlo da madrelingua e percio’ la necessita’ di passare dei periodi (anche poche settimane bastano) nei paesi anglofoni.
    Quando sono arrivata per la prima volta in UK il mio inglese era grammaticalmente buono ma mancava fluidita’ e abitudine a pensare direttamente in inglese e questo l’ho acquisito con il tempo. Ho anche visto molta gente con un inglese pessimo migliorare in pochissimo tempo, proprio perche’ immersi totalmente nell’inglese vero (non quello pronunciato all’italiana che ci imparano a scuola!!).

    Il problema e’ che in italia non e’ radicata l’idea di viaggiare per imparare e non per divertirsi e sono ancora pochi i ragazzi che fanno vacanze studio o esperienze linguistiche all’estero. Un po’, forse, e’ anche dovuto al pessimo periodo finanziario che stiamo attraversando.

  4. Silmarien ha detto:

    Io ho quasi 32 anni e credo di discostarmi dalla media matematica x il semplice fatto che adoro la lingua inglese! A parte le basi scolastiche tutto ciò che ho imparato è frutto di mio interesse se no stavo fresca! Ho cominciato traducendo i testi delle canzoni dei Backstreet boys lol e il mio prof mi prendeva sempre in giro ma almeno mi “lodava” xché qualcosa imparavo; poi, sempre grazie alla mia mania x attori o cantanti, ho cominciato a frequentare forum internazionali e ho affinato il mio inglese imparando un sacco di modi di dire del web o della vita quotidiana, inglesi o americani. Inutile dire che, ovviamente, guardo un sacco di film in lingua e leggo un sacco di libri sempre in lingua. Se non avessi fatto così probabilmente anch’io sarei, come tanti miei coetanei (detta così sembro vecchia *sigh*) a un livello di inglese molto basso. Cmq è vero, posso confermare, i russi sono peggio di noi, come in tutto tra l’altro 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...